Cosa vuol dire Agriturismo Biologico?

Non solo parole ma anche fatti
Suggestiva vacanza all'insegna dell'Agriturismo Biologico

L’Azienda agricola è parte di un latifondo del Capitolo di San Pietro (ente religioso vaticano) sin dal Medioevo e si estende per circa 110 ettari di cui 20 a bosco ceduo, 10 a bosco di latifoglie da legno, 40 ettari ad ortive e 25 a cereali e leguminose, con un piccolo allevamento di animali da cortile. Dal 1999 ha orientato le proprie scelte verso sistemi ecocompatibili, adottando le tecniche di agricoltura ed allevamento biologici. I prodotti raccolti sono utilizzati prevalentemente nelle strutture di ristorazione del Borgo e per alimentare gli animali da cortile, inoltre parte della produzione viene venduta o scambiata con prodotti di altri agricoltori.

  • PRODUCIAMO ORTAGGI E FRUTTA IN AGRICOLTURA BIOLOGICA CERTIFICATA
  • PRODUCIAMO ENERGIA ELETTRICA CON PANNELLI FOTOVOLTAICI
  • DIFFERENZIAMO I NOSTRI AVANZI E QUANDO NON POSSIAMO RIUSARLI, LI CONFERIAMO AD AZIENDE DI SMALTIMENTO E RICICLO
  • LE ACQUE NERE SUBISCONO UN TRATTAMENTO “SOSTENIBILE”, ESSENDO DEPURATE IN UN IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE CHE UTILIZZA PIANTE CONSOCIATE A MICROORGANISMI
  • LE SOSTANZE VEGETALI OTTENUTE (CANNE), VENGONO UTILIZZATE IN AZIENDA PER COSTRUIRE COPERTURE OMBREGGIANTI E BARRIERE ANTIVENTO
  • RAFFRESCHIAMO PARTE DEGLI ALLOGGI CON IMPIANTO DI SCAMBIO A PARETE, UTILIZZANDO ACQUA DI FALDA
  • ABBIAMO 20 ETTARI DI SUPERFICI BOSCHIVE A CEDUO, ADERENDO AL PROGRAMMA REGIONALE DI FORESTAZIONE DI “SUPERFICI AGRICOLE SEMINATIVE”
  • ACQUISTIAMO GRAN PARTE DEI PRODOTTI PER IL RISTORANTE DA PICCOLI PRODUTTORI DEL TERRITORIO
  • NON ACQUISTIAMO E VENDIAMO ACQUA IN BOTTIGLIE DI PLASTICA, MA UTILIZZIAMO L’ACQUA DELL’ACQUEDOTTO, NATURIZZATA E RINFRESCATA ATTRAVERSO UN PROGETTO ITALIANO CERTIFICATO
  • NELLE CAMERE UTILIZZIAMO SACCHETTI BIODEGRADABILI PER I CESTINI, BICCHIERI MONOUSO IN CARTONE RICICLATO E CARTA IGIENICA OTTENUTA DA CARTA RICICLATA
  • TUTTE LE LAMPADINE ELETTRICHE SONO A LED
  • AL BAR UTILIZZIAMO TOVAGLIOLI OTTENUTI DA CARTA RICICLATA, CANNUCCE IN PLA, BICCHIERI IN PLA E POSATE MONOUSO IN LEGNO O IN MATERIALE BIODEGRADABILE
  • UTILIZZIAMO MACCHINE ELETTRICHE PER IL TRASPORTO INTERNO DI CLIENTI, LENZUOLA E PICCOLI RIFORNIMENTI
  • LAVIAMO TUTTE LE SUPERFICI POSSIBILI ED IDONEE SOLO CON ACETO
  • Le ortive: seguendo la stagionalità delle colture, in primavera-estate raccogliamo prevalentemente insalata, asparagi, carciofi, legumi, zucchine, pomodori, cetrioli, peperoni, melanzane, patate, fragole, ribes e more; in autunno-inverno prevalentemente broccoletti, cicoria, cavolfiori, zucche, finocchi, verza, broccoli, bieta, spinaci, sedano e cipolle. I cespugli di aromatiche profumano i sentieri e arricchiscono la cucina; sono presenti timo, basilico, prezzemolo, salvia, mente, citronella, alloro, lavande e rosmarino.

  • I seminativi estensivi: a rotazione coltiviamo girasole, grano duro e leguminose da granella.

  • Tra le arboree da frutto coltiviamo noci, ciliegi, albicocchi, prugni e agrumi, sia per il consumo fresco che per la trasformazione artigianale in marmellate.

Intorno ai campi coltivati si estendono boschi cedui - boschi naturali di latifoglie autoctone con turni di taglio - e boschi di latifoglie di pregio da legno: circa 10 ettari di noci da legno consociate a frassini, ciliegi e ontani.

  • Alleviamo animali da cortile: maiali, cinte senesi, maialini vietnamiti e galline.

  • Ospitiamo alcune famiglie di api transumanti: Il Borgo collabora da tanti anni con un’azienda apistica presente nel territorio dagli anni Trenta: Paolo Fiorentini, apicoltore ed erede dell’azienda, si è dedicato allo sviluppo della produzione ed oggi può contare su un territorio che si estende dai monti della Tolfa fino a Bracciano e a Roma. Fioriture di sulla, girasole, medica, acacia e castagno, di erica e trifoglio; pregiate quelle spontanee del Borgo, oltre a quelle di eucalipto, acacia e tiglio.
    Per info: Paolo Fiorentini – apissima@inwind.it

  • Le 10 famiglie di api stanziali, condotte in regime biologico da Niccolò Arbolino, si nutrono prevalentemente di flora spontanea.
    Per info: Niccolò Arbolino – n.arbolino@gmail.com

  • Tra gli uccelli presenti a Tragliata ci sono poiane, civette, gufi comuni, allocchi, barbagianni, rondoni, fagiani, gruccioni, merli acquaioli e passere scopaiole; tra i mammiferi tassi, istrici, volpe, donnole, faina, maiali selvatici, daini e cinghiali, cavalli e gatti; tra i rettili tartaruga terrestre, cervone, biacco, biscia comune, lucertola e geco.

Il giardino delle 100 camelie
Nel 2013, 100 camelie provenienti da Lucca sono state piantumate in una delle valli di Tragliata, con l’idea di creare un percorso naturale da riallacciare poi ad altri luoghi ameni della proprietà e con la volontà di sviluppare e valorizzare l’aspetto paesaggistico e naturalistico dell’azienda. Questa piccola racconta il desiderio di un giardiniere romano, Giulio De Fiore, di voler ricordare la storia di un’amicizia con il suo amico e maestro lucchese Dino Monti, con il quale nel 1992 aveva creato una coltivazione di camelie a Matraia (Lucca) di cui le 100 camelie di Tragliata fanno parte. Le specie presenti a Tragliata sono due: Camelliajaponica e Camelliasasanqua . La prima, più conosciuta e comune, fiorisce da fine gennaio fino a marzo inoltrato. Le seconde, cosiddette ‘invernali’, fioriscono tra dicembre e gennaio, con il freddo intenso. Tra le camelie giapponesi presenti molte sono cultivars e varietà storiche tra le quali ‘Rubra’, ‘Rubra Simplex’, ‘Alba’ e ‘Alba Simplex’, ‘Stella Polare’, ‘Roma Risorta’, ‘Bonomiana’, ‘Francesco Ferruccio’, ‘Tricolor’, ‘Bella Romana’. Ci sono poi anche le varietà di nuova generazione, un po’ più rustiche, tra queste la ’Snow Ball’ e poi la ‘Hagoromo’ tra le ‘Sasanqua’. Come tutti i giardini vissuti, le camelie hanno reagito ciascuna a modo proprio. Ora la dedizione e il lavoro dei giardinieri che se ne prendono cura permetterà alle piante di ambientarsi, adattarsi e di crescere rigogliose.
Per info: Giulio De Fiore – www.defiorepaesaggio.it – giulio.defiore@gmail.com

  • Consumo per la ristorazione del Borgo e trasformazione dei prodotti (miele e marmellate);

  • Vendita diretta dei prodotti in azienda;

  • Distribuzione a filiera corta:

  • Campagna Amica: Mercato rionale al Circo Massimo Roma.
    www.sitositostio.it

  • L’orto del Lago: Via Monterosi 9, Trevignano Romano (Roma).
    ortodellago@yahoo.it